A come AMICO (in classe PRIMA)

Questo percorso, attuato con bambini di 5/6 anni, propone la verbalizzazione (qui trascritta) di sequenze narrative coerenti che abbiano come protagonisti alcuni  personaggi scelti.  I personaggi sono gli animaletti ricavati dal proprio nome.
Per il percorso ogni bambino dispone del proprio materiale scolastico (fogli, matite, pastelli pennarelli…)

Parole in pratica
Dopo che i bambini hanno scritto il  proprio nome su un foglio,  li invito a “trovarci dentro” un animaletto (tenuto conto che in molta della narrativa già approcciata i protagonisti sono spesso animali “umanizzati”):
«In ognuno dei vostri nomi è nascosto un cucciolo d’animale; questo cucciolo per oggi potrebbe diventare l’amico immaginario da stringere in un abbraccio – magari per confidargli un segreto! – o l’amico con cui vivere un’ avventura nel mondo della fantasia. Vogliamo scoprire insieme l’amico che si nasconde nei nomi Riccardo, Marco, Silvia, Luca, Michele, Federica e Gabriella…? Farlo è semplice. Basta dividere il nome in sillabe e sceglierne una, che diventa la sillaba iniziale dell’animale».
Aiuto i bambini uno per uno a dividere in sillabe il proprio nome, poi faccio cerchiare una sillaba col pastello di un colore (a scelta del bambino) che chiamiamo “colore dell’amicizia”.

Così nel suo nome, RIC-CAR-DO scopre un simpaticissimo RICCIO con gli aculei di gommapiuma («Così, se lo abbraccio, non mi punge»), mentre nel nome MAR-CO si nasconde un CONIGLIO che non ha paura di nulla («Io invece ho paura del buio e quando rimango a casa da solo!»). 
LU
CA è indeciso: non sa se scegliere un LUPETTO curioso, che mette il naso dappertutto, oppure un CANE con la coda magica («Gli basta agitarla e compare un bel gelato al cioccolato»!).
FE
-DERICA ha lo stesso problema di Luca. A lei infatti piacerebbe sia un FENICOTTERO rosa come quello che ha visto in un documentario alla tivù, che un cucciolo di RINOCERONTE albino.
Pensa che ti ripensa, Federica non sa proprio a quale dei due animali dare la preferenza. Allora interviene Riccardo che dice:
«Perché invece di un fenicottero o di un rinoceronte non scegli un
CAPRETTO che fa le capriole all’indietro? »
Quando è il suo turno, MI-CHE-
LE sceglie in un battibaleno.«
Nel mio nome c’è nascosta una
LEPRE!» grida, pieno di entusiasmo. «E questa lepre è cugina del coniglio di Marco».
Marco annuisce soddisfatto: anche lui e Michele sono cugini!
GA-BRI-EL-
LA si gratta la testa, pensierosa.
“Che animale può saltar fuori dal mio nome?” rimugina seria seria dentro di sé.
Poi però, sforzandosi un po’ di più,  anche Gabriella trova il suo animaletto. Si tratta di un
LAMA peruviano, che ha appena ricevuto una medaglia d’oro per aver vinto in una gara di sputo.
L’ultima che rimane è
SIL-VIA. Per quanto  si dia da fare, Silvia non conosce nessun animale che inizi con una delle due sillabe contenute nel suo nome.
A questo punto a Silvia non resta che una cosa da fare: anziché una sillaba sceglierà una singola lettera!
Le possibilità allora diventano davvero tante, perché nel nome della bimba può esserci una
SCIMMIETTA dispettosa, piuttosto che un IPPOPOTAMO appassionato di danza classica o una VOLPE canterina.
Non appena Silvia individua il cucciolo nascosto nel suo nome, Gabriella propone agli altri bimbi di disegnare ciascuno il proprio animaletto.
Si ottengono in tal modo sette personaggi, con i quali è possibile inventare tante storie di amicizia come quella raccontata da Riccardo e Silvia:
«C’era una volta una piccola volpe a cui piaceva cantare. A forza di cantare a squarciagola, un bel giorno la volpe si ritrovò con un terribile mal di testa. Per fortuna arrivò l’ amico riccio, che disse alla volpe se voleva riposarsi un po’, usando il suo corpo come cuscino. Dopo aver fatto un sonnellino sui morbidi aculei di gommapiuma del riccio, la volpe si svegliò così ben riposata, che il mal di testa era completamente scomparso». 

 

Adesso racconta tu!
Quale cucciolo d’animale si nasconde nel tuo nome?
E nel nome del tuo migliore amico?
Come sono questi due personaggi? (Prova a disegnarli!)
Come potrebbero dimostrarsi la loro amicizia l’un l’altro? (Prova a raccontare!)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *